DE LUCA CONTRO LE BUFALE (CASERTANE). E’ NON E’ UNA BUFALA !!!!

Buffaloes cattle ranching for milk production for buffalo mozzarella mozzarella di bufala Campania region Southern Italy Italy Europe
Sembra una vera e propria crociata, una vandea istituzionale contro il mos maiorum partenopeo, usi e costumi della Neapolis di Partenope e di Pulecenella. Non bastavano i casi – montati ad arte? – sulle stese, fortunatamente non quelle di camorra, dei panni “dind’ ‘e viche”, prima vietati e poi riviste dall’inquilino di Palazzo San Giacomo.  Piuttosto che sul divieto di tirare quattro calci ad un pallone in strada o peggio ancora sotto la Galleria Umberto, in una città dove il calcio è monopolio ma le strutture sportive pubbliche non esistono…….
Eppure, vi è una “guerra” ben più silenziosa e  ad  ampio raggio che dal palazzo della Regione Campania il presidente De Luca ha ingaggiato contro un’altra eccellenza campana. D.O.C., D.O.P. e I.G.P.
Insomma, Vincenzo De Luca già da tempo, tra il silenzio (complice?) del quarto potere, si è scagliato contro le bufale campane ordinandone l’eradicazione. Abbattere. Sopprimere. Cancellare, il diktat di Delucadonossor, per dirla con Terronia Felix della Salvadore. E con un’incidenza pari o superiore al 18% si abbatte un’intera stalla!
Questa è la ricetta di Vicienzo e, a suo dire, concordata in base a delle indicazioni ministeriali atta a combattere il fenomeno della brucellosi che è ritornato – a meno del 20% – nell’agro aversano e che, nel primo trimestre del 2022, ha visto l’ambito traguardo (istituzionale) raggiunto di oltre 1400 bufale sane abbattute e il fallimento di oltre 300 aziende, soprattutto in Terra di Lavoro.
Di parere contrario e certamente critica la posizione degli allevatori che, tra il disinteresse della stampa locale e nazionale, stanno inscenando proteste e blocchi stradali per sollevare il problema della mattanza delle bufale e del disastro dell’intero comparto produttivo il cui unico colpevole sembra essere individuabile nella sola persona di Vincenzo De Luca. Uno dei segnali che indicano che la situazione tra gli allevatori e nelle campagne casertane stia diventando sempre più critica, anzi degenerando.
De Luca, dal canto suo, forte dell’esperienza dei proclami, incurante di ciò che gli addetti ai lavori toccano con mano e che rischiano di non toccare più,  annuncia tronfio un doppio obiettivo: la salvaguardia del comparto e quello della salute. Resta incomprensibile immaginare come ottenere questo risultato. Ma ciò non vieta al governatore col lanciafiamme di affermare la sua posizione e i suoi malcelati intendimenti:  e cioé che la salvezza del comparto passa per la completa eradicazione dei capi di bestiame! Ammazziamo tutte le bufale e saremo salvi, dice Vicienzo. E non moriremo nemmeno di fame, chiude “orgoglioso”, mentre mostra il pugno di ferro e la ferrea volontà di non farsi intimorire da nessuno. Nemmeno da chi in quel settore ci è cresciuto, ci vive e… ci mangia. È il caso del portavoce del patrimonio bufalino Gianni Fabbris che da mesi fa notare che si sta andando in una direzione diametralmente opposta rispetto a quella della tanto sbandierata salvaguardia: fino al 2014 in Campania (dove pure già esisteva il problema che, chissà perché, come tutti i problemi da due anni a questa parte assumono i caratteri dell’emergenza) esisteva un piano che “funzionicchiava” (semicit.) e da circa un decennio. Il tutto era incentrato, manco a dirlo, sul vaccino. Che se non era la manna dal cielo, tuttavia, per dieci anni ha rappresentato uno dei capisaldi della strategia interventistica. De Luca, invece, questa volta è contrario al vaccino – e non è una (sua) macchietta! – anzi, pare sia del parere di fare “terra bruciata”. Come Attila, radere al suolo. Peggio di Attila. E non c’è fenice, né bufala che tenga!
Una vittoria, seppur di Pirro, però, è stata portata a casa dai comitati del settore che hanno ottenuto che la Regione Campania riconoscesse di non poter dare continuità al fallimento delle aziende trasformate in veri e propri bersagli dall’Amministrazione De Luca, ma piuttosto, mettendo in campo gli accorgimenti proposti dagli allevatori, ovvero insistendo sulla strategia delle vaccinazioni e del monitoraggio costante degli animali. Un successo importante che, però, non ha trovato seguito nelle aule sorde e grigie del Ministero della Salute, dove il piano proposto (e parzialmente accolto) è rimasto senza speranze. Infatti, agli occhi di chi ha letto il piano, pare proprio che il progetto sia stato scritto in maniera confusa e pasticciata con le norme emanate con il solo fine di vederle fallire.
Inspiegabile come la totale eradicazione di brucella e tbc significhi una insensata punizione per le aziende che vedrebbero così abbattuti migliaia di capi di bestiame perfettamente sani.
Tra proteste di piazza, assemblee cittadine e manifestazioni al suono di cortei funebri, c’è chi ci trova addirittura una costante: il sistema salernocentrico, diventato un’autentica epidemia che invade ogni campo dello scibile umano e animale. A dispetto del 4% dei fondi pubblici concessi agli operatori zootecnici dell’agro aversano, infatti, ben il 41% degli aiuti viene dirottato nel salernitano, che non vive la stessa drammaticità dell’altra zona di produzione di mozzarella di bufala campana, fa notare ancora Fabbris. Insomma, “ccà nisciuno è fesso”  e, poiché la protesta degli allevatori il 16 luglio si sposterà a Roma, non resta che augurare: “Mamma d’ O’ Carmene”, aiutali tu !