IL GARANTE DELLA PRIVACY : LA COVID CARD DI DE LUCA??? A me me pare ‘na ……….. fessarìa !!!

Garante batte De Luca 1 a 0.
Ve lo ricordate Vicienzo, tronfio e impettito dietro la “sua” scrivania annunciare la card vaccinale, rimarcare con orgoglio di averla pensata, ideata e realizzata e vantarsi per essere stato il primo in Italia?
Ve lo ricordate DELUCADONOSSOR ( Marina Salvadore ci perdonerà per aver attinto dal suo novello Terronia Felix ) elargire libertà e concessioni ai suoi “amici di buco”; concedere la libertà a chi recava l’imprimatur ; dischiudere il suo arci-circolo a chi aveva appena inoculato la pozione miracolosa, l’elisir di lunga vita?
Ebbene, il Garante della privacy si è pronunciato: “A me, me pare ‘na strunzata!”
A dire il vero in tanti, campani e non, considerate le nazionali dimensioni del fenomeno da baraccone, avevano espresso perplessità su tale iniziativa del Presidente della regione Campania. Per i più non è stato difficile capire che tale passepartout creava delle discriminazione e invadeva il campo della riservatezza, dando così modo di conoscere (e disconoscere) situazioni che attengono la sfera intima e personale. Ma non per Vicienzo: per lui era cosa buona e giusta etichettare le persone ed esibire il bollo regionale per elargire agli inoculati determinate concessioni: vuoi andare a teatro in Campania? Ci vuole La covid-card! Vuoi andare a ristorante in costiera? Ci vuole la covid-card! Vuoi prendere moglie o marito? Ci vuole “cavid-card!”.
I toni debbono essere necessariamente canzonatori perché De Luca ormai non può più essere preso in considerazione seriamente. La pandemia poi ha acuito la situazione, ma il Garante nei confronti dell’inquilino di Palazzo Santa Lucia non è stato così morbido. Tutt’altro, gli ha riservato proprio un sonoro “cazziatone”: la card vaccinale come lasciapassare per servizi turistici, matrimoniali, culturali e sociali vìola la privacy. In base all’istruttoria avviate dal Garante, è emerso che l’iniziativa è priva di una base giuridica. Disposizioni come quelle adottate dal governatore col lanciafiamme che inficiano le libertà e i diritti personali sono inammissibili in assenza di specifica legiferazione nazionale. Poi arriva anche il sonoro ceffone: «progetti come quello campano introducono sistemi di rilascio e di verifica della vaccinazione difformi da quelli individuati a livello nazionale e, soprattutto, e mettono a rischio la stessa interoperabilità delle certificazioni a livello nazionale ed europeo. In contrasto proprio con la finalità di agevolare la libera circolazione all’interno dell’Unione Europea durante la pandemia di Covid-19». Altro che democrazia! E pensare che proprio De Luca dovrebbe esserne uno strenuo difensore, vieppiù viene da un partito che tale condizione la richiama persino nel nome. Ma con l’uomo lucano ad essere partita è solo la democrazia. D’altronde, proprio il Covid che è stato causa diretta e indiretta di tante morti, ha salvato De Luca, la sua posizione sopra le righe nel partito, la sua posizione sullo scranno della giunta regionale, per lui sempre più un confino per non essere riuscito ad approdare alle cadreghe ben più comode e più imbottite di Palazzo Madama o di Montecitorio. Ma è risaputo, Vicienzo è tutto un pezzo… e ha già annunciato che la produzione e la distribuzione dei pass vaccinali non si fermeranno. Perché? De Luca forse non riconosce lo Stato Italiano? Può non uniformarsi alle leggi della Nazione? Quanto sono costate alle casse della Regione queste tessere, manco a dirlo, rivelatesi inutili? Perché continuare a sperperare denaro pubblico, dei contribuenti per un capriccio del sovrano? Chi risarcirà i cittadini campani per questa ulteriore bufala… deluchiana? Perché perpetrare con questa sua farsa nei confronti dei cittadini che sono liberi di muoversi in Italia, in Europa, nel mondo, ma non in Campania, amministrata sempre più a regno delle sue volontà? Lui esiste, insiste e resiste, ma il Garante lo ha ridimensionato: Vicie’, statt’ ‘o posto tuoio !