Atreju premia i dissidenti venezuelani

Sul palco Vanessa Ledezma, figlia del simbolo dell'opposizione al regime Maduro

di Angela SARNATARO
Riconoscimento dell’impegno per i diritti nel suo paese: il padre Antonio è perseguitato dal regime di Maduro
E’ stato consegnato a Vanessa Ledezma il “premio Atreju 2017”. Figlia del sindaco di Caracas Antonio Ledezma, agli arresti domiciliari in quanto oppositore politico del regime di Maduro in Venezuela e che nelle scorse settimane era stato arrestato con l’accusa di destabilizzare il governo del presidente Nicolás Maduro, Vanessa Ledezma è esule in Italia da cinque anni: ha scelto di venire nel nostro paese per dare un futuro alle proprie figlie. Non vede il padre da due anni e si batte per i diritti civili nel suo paese d’origine.

«Per me è un onore ricevere questo premio in questo momento cosi drammatico per il mio paese – ha detto Vanessa Ledezma – ringrazio la presidente Giorgia Meloni e Fratelli di Italia per questa opportunità. Ci tengo anche a ringraziarvi in particolare per la possibilità di portare la voce di mio padre Antonio Ledezma, sindaco di Caracas ancora ingiustamente imprigionato, e di migliaia di venezuelani che tutti i giorni soffrono oppressioni e abusi nel nostro paese, non avendo la possibilità di esprimere il loro pensiero. Questo premio vorrei dedicarlo a loro che lottano giorno per giorno per riprendere la libertà e la democrazia in Venezuela».
La crisi del Venezuela è balzata alle cronache negli ultimi mesi, quando il regime capeggiato da Nicolàs Maduro è riuscito a sciogliere il Parlamento dove l’opposizione aveva la maggioranza a seguito di regolari elezioni e a sostituirlo con una nuova Assemblea costituente formata dai suoi sostenitori e scelta con un voto truccato. Ma ormai da anni la situazione parla di un grave deficit di democrazia e nel rispetto dei diritti umani: le manifestazioni e gli scontri conseguenti a questa situazione hanno provocato nel paese oltre 120 morti, secondo cifre ufficiali e comunque non verificabili.
Al dibattito sulla crisi venezuelana, moderato dal coordinatore dell’esecutivo di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, hanno partecipato la senatrice Giovanna Petrenga e Marinellys Tremamunno, giornalista italo-venezuelana autrice del libro “Venezuela, il crollo di una rivoluzione”.

 

Autore

Nessun Commento per “Atreju premia i dissidenti venezuelani”

Lascia un messaggio

La tua mail non sarà pubblicata. Required fields are marked *

*